TENSIONI SUI MERCATI, ATTENZIONE AI VOSTRI RISPARMI

Nel mese di gennaio e nell’ultima parte dell’anno, i listini azionari hanno quasi del tutto ignorato i numerosi problemi che minano la stabilità economica internazionale, continuando a salire pressochè ininterrottamente, senza sostanziali correzioni. Persino la Borsa Italiana, che ha chiuso in modo pessimo il 2010, ha messo a segno da inizio anno un rimbalzo del 9%.

Ma ora, quasi all’improvviso, accanto a nodi ancora irrisolti quali il debito dei PIGS (o PIIGS nel caso vogliamo aggiungere anche l’Italia), ecco affiorare nuovi focolai di turbolenza, derivanti dall’instabilità sociale, politica ed economica nei Paesi Africani, iniziata prima in Algeria e Tunisia e ora propagatasi all’Egitto ed all’Arabia Saudita, che potrebbero portare a problemi di varia natura, in primis l’aumento del prezzo del petrolio.
A questo c’è da aggiungere anche il recente downgrade del Giappone, i problemi di iperinflazione in Indonesia, Thailandia e Vietnam e dalle trimestrali americane in cui molte società hanno riportato un calo dei ricavi.
In questo scenario la volatilità sui mercati potrebbe impennarsi ed è fondamentale ed imprescindibile un atteggiamento molto flessibile nella costruzione e nelle scelte di portafoglio.
Il consiglio a tutti i risparmiatori è di non dar retta al detto, ormai ampiamente obsoleto alla prova dei fatti, che nel lungo termine i mercati salgono sempre!
Nel 2000 l’indice italiano valeva 51.000 punti oggi vale 22.000!!  Undici anni non sono forse lungo termine? Eppure oggi, a distanza di undici anni, se aveste investito sull’indice della Borsa Italiana vi trovereste con meno di metà del capitale!! Se poi aveste investito in Seat, Tiscali o altri titoli di moda a quel tempo, le perdite sarebbero del 90% e oltre!!
Dite pure al vostro bancario di fiducia od al vostro promotore di non raccontarvi più favole e tenete conto che tutte le volte che andate allo sportello, più che farvi una vera consulenza, vi devono appioppare dei prodotti che servono (a loro) per fare il budget!
State lontani da prodotti inutilmente costosi e lunghi come durata che ingessano i vostri capitali! 
E’ fondamentale scegliere strumenti di investimento poco costosi e flessibili, quotati su mercati ufficiali (come ad esempio gli ETF). 
Le possibilità per far bene non mancano, ma servono tempo e competenze adeguate; se non le avete inutile correre rischi inutili in mercati caotici e sempre più difficili; in quel caso è ormai imprescindibile farsi consigliare da qualcuno che abbia veramente a cuore i Vostri interessi, attraverso un’oculata strategia di portafoglio, basata su un monitoraggio attento e costante dei mercati e delle Vostre esigenze.
Fabrizio Taccuso – Studio Andreoli & Taccuso – Mantova
fabrizio.taccuso@alice.it

Lascia un commento