PORTAFOGLI ANTIPANICO

L’evoluzione nei prossimi mesi dell’attuale scenario macro-economico e finanziario, non è facilmente prevedibile e questo crea certamente difficoltà nel momento in cui si vanno a costruire portafogli di investimento.
I principali dubbi riguardano sia questioni di breve termine che di medio e lungo periodo. Nel primo caso i fattori principali sono:
l’esito delle elezioni in Grecia ed i rischi di un’eventuale uscita del Paese dall’Euro Zona;
le decisioni su come rafforzare la crescita nei Paesi Europei;
la tensione sulle banche spagnole.
Per quanto riguarda il medio e lungo periodo, invece il discorso riguarda:
l’efficacia del rilancio della crescita nella Zona Euro e la coesione delle politiche fiscali;
il possibile intervento pubblico sul capitale delle banche;
la sostenibilità del debito sovrano italiano/spagnolo;
i rischi di frantumazione della Moneta Unica.

Tutte queste variabili, in questo delicato momento che non ha precedenti storici, impongono senza dubbio la massima cautela e moderazione nelle scelte d’investimento per preservare al meglio il proprio capitale.
Abbiamo prospettato tre possibili scenari che, ovviamente, hanno percentuali diverse di realizzazione:
la Grecia rimane nell’Euro e la crisi del debito, pur permanendo, viene lentamente riassorbita nel tempo;
la Grecia esce dall’Euro ma, a livello europeo, viene creato un sistema di protezione di tutta l’area, evitando che si verifichi un effetto domino (es. con l’emissione di Eurobond o con strumenti incisivi di crescita dell’economia);
lo scenario peggiore, ossia l’uscita dall’Euro della Grecia e lo sfaldamento dell’intera area Euro.

E’ sicuramente impresa ardua attribuire le percentuali di realizzazione a questi tre scenari, sarebbe pura accademia! E’ evidente però che ogni investitore a seconda delle proprie priorità, e delle proprie paure, dovrà attuare un’attenta ed opportuna riallocazione del proprio Portafoglio.
Lo Studio Andreoli & Taccuso ha approntato i cosiddetti “Portafogli antipanico” che, a seconda delle cautele che si vogliono porre in essere, necessiteranno di sostanziali differenze nella scelta dell’intermediario e nella diversificazione dell’Asset Allocation, sia per tipologia di strumenti utilizzati (valute, obbligazioni, commodities), sia valutaria (quindi l’introduzione di investimenti denominati in valute diverse dall’Euro). Un altro fattore estremamente importante su cui fare la massima attenzione è la scelta degli emittenti su cui si andrà ad investire che devono essere di settori anticiclici e con il massimo rating.

In questa fase bisogna avere la massima consapevolezza relativamente ai prodotti su cui si sta investendo. E’ impensabile gestire i propri investimenti con prodotti inefficienti e molto rischiosi!!!
Per questo motivo nei prossimi quindi giorni, a tutti coloro che si rivolgeranno al nostro Studio, effettueremo il check up gratuito del Portafoglio. Moltissimi portafogli che abbiamo analizzato presentano al loro interno rischi pazzeschi e fuori controllo nel caso di un’ulteriore evoluzione negativa della crisi. Momenti come questi richiedono una focalizzazione costante ed un monitoraggio continuo della propria posizione. E’ del tutto evidente che questo non può essere fatto avvalendosi ancora della Banca che ha rifilato gli stessi prodotti che oggi stanno causando gravi rischi e perdite nel Portafoglio.
In questo periodo stiamo investendo a tutti i livelli per dare assistenza ed un supporto di qualità a tutti coloro che hanno deciso di affidarsi a noi.
Precisiamo inoltre che il nostro Studio è in grado di supportare i clienti anche qualora questi decidano di delocalizzare i propri investimenti, consigliando loro intermediari fuori dall’Italia.
La cosa che più balza all’occhio è che in questo momento la gente è perplessa ed impaurita ed ha bisogno di interlocutori seri, preparati e credibili a cui rivolgersi; la fase che stiamo vivendo rischia di trasformare a vari livelli la qualità ed il nostro stile di vita dei prossimi anni.

Fabrizio Taccuso – Studio Andreoli & Taccuso – Mantova
fabrizio.taccuso@gmail.com

Lascia un commento