Il Cigno Nero e gli investimenti sicuri

Riteniamo fondamentale tornare sul tema degli investimenti sicuri dopo il Cigno Nero che si è abbattuto sul mercato Forex nei giorni scorsi.

Investimenti sicuri - Il Cigno Nero

Il Cigno Nero e gli investimenti sicuri

Per sicurezza non intendiamo la garanzia di rendimenti, ma di non abboccare alla miriade di annunci ed offerte poco serie che vengono fatte su social media, blog e siti internet riguardo all’operatività sul forex.

Vengono pubblicizzati strumenti poco trasparenti come le opzioni binarie ed i Cfd quotati su mercati non regolamentati.

Si millanta la possibilità di ottenere facili guadagni in poco tempo. In tempi di crisi è facile catturare l’attenzione di persone alla ricerca di denaro facile.

Qualche tempo fa avevamo pubblicato un articolo riguardante le truffe in cui è facile incorrere sul Forex, vediamo di capire cos’è successo nei giorni scorsi.

Da quattro anni la Banca Centrale Svizzera (BNS) aveva ancorato il tasso di cambio contro Euro a 1,20 franchi. L’obiettivo era fronteggiare l’apprezzamento della loro valuta legato all’ingresso di capitali dall’estero. Il franco svizzero ha sempre rappresentato un porto sicuro per gli investitori esteri ed all’epoca vi erano forti dubbi sulla sostenibilità dell’Euro.

In questi quattro anni il valore del franco svizzero è stato drogato dalla BNS che ha comprato euro per un totale di circa 500 miliardi. Lo scopo era mantenere stabile il rapporto di cambio. Invece giovedì 15 gennaio, a mercati aperti, con una mossa che ha sorpreso decisamente tutti gli operatori finanziari, la Banca Centrale Svizzera ha deciso di abbassare il tasso di interesse e di sganciare l’andamento della propria valuta dall’Euro. Negli ultimi mesi l’Euro si è deprezzato molto nei confronti del dollaro; di conseguenza anche il franco svizzero si è deprezzato nei confronti della divisa americana.

le perdite dei broker

le perdite dei broker

Il risultato è stato che nel giro di pochi minuti il franco svizzero è passato da 1,20 a 0,86. Brokers ed operatori istituzionali hanno subito perdite devastanti (vedi tabella a fianco). Le posizioni di molti traders erano inverse rispetto al movimento del mercato.

In pochi minuti sono stati polverizzati miliardi di euro. Sul Forex si opera con una leva finanziaria altissima (anche sino a 200 e 400 volte l’importo investito) e questo amplifica enormemente i movimenti dei mercati.

Tutti coloro che operavano attraverso strumenti non quotati su mercati regolamentati come opzioni binarie e Cfd, hanno visto azzerarsi il loro capitale.

Noi di Consulenza Vincente frequentiamo il mondo della finanza da oltre un quarto di secolo. Con regolarità notiamo che risparmiatori ed investitori cadano in nuove truffe finanziarie, sottoscrivendo inconsapevolmente prodotti rischiosi con il miraggio di ottenere facili guadagni.

Il nostro consiglio è di privilegiare investimenti “sicuri”, scegliendo solo strumenti conosciuti e di cui si capisce  almeno il funzionamento. Inoltre è fondamentale avvalersi di persone autorevoli e di comprovata esperienza, meritevoli di fiducia.

Non a caso Warren Buffet, il più grande investitore esistente, consiglia di non investire in:

  • un business che non si conosce;
  • un business che non si capisce;
  • business che non siano condotti da persone con sufficiente expertise ed integrità morale.

Fabrizio Taccuso

Lascia un commento