Occhio al portafoglio (Report 17/10/2016)

Occhio al Portafoglio è il titolo della puntata di “Report andata in onda nei giorni scorsi.

Milena Gabanelli ha parlato di investimenti in diamanti, fondi comuni di investimento, polizze vita ed obbligazioni strutturate, proposti ai risparmiatori da banche, promotori e Poste. Ecco il link per visionare integralmente la puntata.

Consigliamo a chi non l’ha vista di dare un’occhiata, ne vale davvero la pena…

Occhio al Portafoglio

Occhio al Portafoglio

Il quadro che ne è emerso della finanza italiana è piuttosto desolante.

Il “sistema”, costruisce ad hoc prodotti finanziari che vengono piazzati ai risparmiatori, allo scopo di arraffare quanto più possibile.

Ma se per chi fa il nostro mestiere si tratta di argomenti ampiamente noti (noi di Consulenza Vincente abbiamo scelto parecchi anni fa di schierarci dalla parte dei risparmiatori), i risparmiatori che hanno assistito alla trasmissione sono rimasti letteralmente allibiti.

Riassumiamo i casi più eclatanti. Si è partiti dalla vendita di diamanti in banca, prassi molto diffusa ultimamente. Proprio per mettere in guardia i risparmiatori, ad Agosto avevamo pubblicato un articolo al riguardo. Considerando che i tassi di mercato sono a zero, le banche hanno dovuto inventarsi nuovi modi per guadagnare e far quadrare i conti. Quindi si sono messe a vendere tablet, cellulari, ma anche qualcosa che fa presa facilmente sull’immaginario collettivo: i diamanti.

Vengono considerati erroneamente beni rifugio, in realtà il loro prezzo viene artificiosamente pilotato da due società che detengono il monopolio del mercato. Il risultato è che i malcapitati clienti che si fidano dello sportellista di turno pagano, quando va bene, il doppio del loro valore.

Addirittura si è arrivati a pagare 7000 euro per un diamante da mezzo carato che ne valeva solo 1700!!!

Emblematico è stato il caso della signora Clara, pensionata di 88 anni, alla quale sono stati rifilati fondi comuni, polizze vita ed obbligazioni strutturate. I solerti funzionari di Unicredit andavano a casa sua facendole firmare ordini di compravendita come se la signora fosse una trader incallita. Ogni volta che acquistava e vendeva pagava a Unicredit salate commissioni: più operazioni faceva e più le commissioni si moltiplicavano. In 5 anni ha pagato ben 60.000 euro di commissioni, a cui vanno aggiunte le commissioni annue di gestione.

Il tutto le ha comportato perdite che ammontano a diverse decine di migliaia di euro che, guarda caso, sono le commissioni intascate dalla banca.

Poi la mail del capo area di Ubi che invitava le filiali a far vendere i titoli di stato posseduti dai clienti e più adatti al loro profilo di rischio, ma per nulla profittevoli per la banca, per far comprare fondi comuni, polizze assicurative o prestiti obbligazionari emesse dalla banca stessa. Tali strumenti fanno guadagnare alla banca corpose commissioni, sia nella fase di acquisto che per tutto il periodo di mantenimento

E per finire la chicca conclusiva: un fondo di Mediolanum che ha un costo di entrata del 5,50%, più spese annuale di gestione del 3,18%.

In pratica tale fondo, nel primo anno, ha un costo di ben 8,68%. Un vero salasso per chi lo sottoscrive che deve sperare che i mercati salgano sempre solo per recuperare le commissioni pagate!

Occhio al Portafoglio quindi! Purtroppo in Italia non esistono, per il momento, normative chiare che impediscono alle banche di anteporre sistematicamente il proprio interesse a quello dei risparmiatori. All’estero i risparmiatori vengono tutelati meglio e di più!

E’ stato calcolato che le commissioni intascate dalle banche ammontano a 20 mld all’anno, pari all’1,2% del Pil nominale italiano.

Secondo il rapporto del World Economic Forum, l’Italia nello sviluppo dei mercati finanziari è al 117° posto su 140 Paesi. I cittadini non si fidano, il costo dei servizi finanziari è il più elevato d’Europa, la CGIA di Mestre ci classifica come i più tartassati in commissioni bancarie.

Cosa può fare un risparmiatore?

Chiedetevi sempre da chi è pagato chi vi propone l’acquisto di un prodotto finanziario.

Se, come nel caso del consulente finanziario indipendente è pagato direttamente da voi, il suo interesse coincide sicuramente con il vostro.

Nel caso di banche, Poste e promotori prima viene sempre l’interesse di qualcun altro che li paga per vendervi qualcosa. Occhio al Portafoglio…

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento