Criptovalute: cosa sono e come funzionano

Le criptovalute sono diventate negli ultimi mesi un fenomeno globale.

Criptovalute

Criptovalute

Stanno attirando l’interesse e la curiosità anche di persone che normalmente non seguono i mercati finanziari. Il loro funzionamento è tuttavia ancora poco conosciuto, per cui in questo articolo cercheremo di fare un po’ di chiarezza e di spiegare le caratteristiche principali.

Le criptovalute sono monete digitali  che consentono di effettuare pagamenti online  in maniera perfettamente sicura. Vengono quindi utilizzate come mezzi di scambio al pari delle classiche monete tradizionali come l’Euro o il Dollaro. A differenza di queste, che hanno una banca centrale come la Federal Reserve o la BCE, e quindi i governi possono controllarne il valore attraverso il processo di stampa, nel caso delle criptovalute il governo non ha alcun controllo in quanto sono totalmente decentrate.

Sono state progettate con lo scopo di scambiare informazioni digitali attraverso un processo che è stato reso possibile da alcuni principi della crittografia. Quest’ultima viene utilizzata per proteggere le transazioni e per controllare la creazione di nuove monete.

Il Bitcoin, la prima criptovaluta, è stata creata il 9 gennaio del 2009 da Satoshi Nakamotoma d’allora sono nate altre centinaia di criptovalute.

Interessante è scoprire il meccanismo che governa i database delle criptovalute.

La Blockchain è forse l’aspetto più interessante ed innovativo connesso al Bitcoin. Si tratta di un database distribuito presso tutta la rete che sfrutta la tecnologia peer-to-peer e chiunque può prelevarlo dal web, diventando così un nodo della rete. In altre parole è il libro contabile in cui sono registrate tutte le transazioni fatte in Bitcoin dal 2009 ad oggi. E’ un sistema di verifica aperto che non ha bisogno del benestare delle banche per effettuare una transazione.

Ogni nodo della rete (ogni utente) riceve e registra tutte le transazioni che avvengono nella rete. Pertanto ciascun utente può certificare qualsiasi transazione avvenuta anche tra terzi. Una transazione viene certificata quando è approvata dal 50%+1 dei nodi della rete. Le transazioni vengono certificate a blocchi (da cui il nome). Mediamente una transazione viene certificata nel giro di 10 minuti a prescindere dal mittente e dal destinatario (nei circuiti bancari per un bonifico possono essere necessari da minuti a giorni per la certificazione). Dato che sarebbe impossibile per chiunque falsificare un numero sufficiente di registri, risulta impossibile la contraffazione di moneta o di transazione.

Criptovalute Processo di creazione

Criptovalute – Processo di creazione

Si diceva prima che oltre al Bitcoin esistono altre centinaia di criptovalute. La maggior parte sono progettate per introdurre gradualmente nuove unità di valuta, ponendo un tetto massimo alla quantità di moneta che è in circolazione. Ciò viene fatto sia per imitare la scarsità (e il valore) dei metalli preziosi, sia per evitare un’eccessiva inflazione. Comparata con le valute ordinarie gestite dagli istituti finanziari o tenute come contante, le criptovalute sono meno suscettibili a confische da parte delle forze dell’ordine.

Negli ultimi mesi la loro crescita è stata esponenziale. Dal sito coinmarketcapcom è possibile vedere la loro capitalizzazione.

Criptovalute - Capitalizzazione

Criptovalute – Capitalizzazione

La capitalizzazione ad oggi del mercato delle criptovalute è pari a poco più di 87 miliardi di dollari.

Quasi metà è costituita dal Bitcoin, ma un ruolo rilevante stanno assumendo progressivamente anche Ethereum e Ripple. Ciò che più sorprende, però, e che se solo confrontassimo il valore di ciascuna delle criptovalute riportate nella tabella qui sopra con quello di tre mesi fa, potremmo vedere che la loro capitalizzazione è in crescita esponenziale.

In tanti si stanno interessando a questo mondo che era sconosciuto sino a poco tempo fa ed ogni giorno spuntano nuove criptovalute.

Come abbiamo scritto più volte in queste fasi gioca un ruolo rilevante l’avidità ed il desiderio dell’essere umano di fare facili guadagni in poco tempo.

Crediamo che in pochi siano in grado di dare un valore oggettivo e realistico a questo mercato, per cui non ci permettiamo di dare giudizi se siamo già in presenza di una bolla speculativa o meno.

Vogliamo tuttavia mettere in guardia i nostri lettori relativamente ad alcuni aspetti:

  • nel breve è anche possibile, in fasi particolari di mercato, fare facili guadagni; ma è molto meno facile mantenerli nel tempo;
  • il mercato delle criptovalute è caratterizzato da un’altissima volatilità, che significa elevati guadagni, ma anche elevate perdite;
  • ogni giorno “nascono”, ma anche “muoiono” molte criptovalute;
  • fate attenzione ai “Profeti dell criptovalute” che fanno un marketing di tipo aggressivo ed incitano ad investire in questo mercato e denigrano chi vuole restarne fuori;
  • attenzione a come proteggere il proprio portafoglio di criptovalute, dal momento che alcuni sistemi di scambio online (es. Bitfinex nell’Agosto 2016) hanno subito violazioni e non assicurano ancora una sicurezza elevata come quella dei sistemi delle banche.

Siamo in presenza di un mercato del tutto nuovo che va studiato ed approfondito attentamente, non solo da un punto di vista economico-finanziario, ma in questo caso anche tecnologico e di sicurezza. Speriamo di aver dato il nostro contributo a farvi comprendere meglio questo nuovo Eldorado… ammesso che continui a rimanere tale!!!

Nel prossimo articolo approfondiremo il discorso relativo al Bitcoin. Stay tuned.

Fabrizio Taccuso

 

 

Fabrizio Taccuso

Fabrizio Taccuso, consulente finanziario indipendente, ha lavorato per vent’anni nel settore della Consulenza Finanziaria ai privati. Nel 2006 ha conseguito la certificazione internazionale €PFA di primo livello di European Financial Advisor. Nel 2007 ha frequentato il Master in Fee Only Financial Planning di Consultique e si è iscritto a Nafop. Segui Fabrizio Taccuso su Google+

Lascia un commento