Investire nei Megatrend, un approccio rivolto al futuro

Megatrend è un cambiamento strutturale di lunghissimo periodo, i cui effetti impattano sulle dinamiche sociali, economiche e culturali.

Non si tratta di una moda momentanea, ma di un cambiamento globale che tutta l’umanità affronta e che dura decenni. Investire nei Megatrend è un approccio di costruzione del portafoglio basato su logiche di investimento che superano la tradizionale diversificazione basata su aree geografiche.

Megatrend

Megatrend

Attraverso fondi comuni e Sicav o Etf  investiamo in aziende il cui business è legato a temi secolari che modificheranno il nostro modo di vivere. Quindi la logica di investimento è di medio e lungo termine, con strumenti da accumulare ed implementare nel tempo che costituiscono la parte strategica del Portafoglio.

Quali sono questi megatrend, ossia le tendenze che caratterizzeranno il futuro?

  • Grandi mutamenti sociali (invecchiamento, crescita demografica, salute, tempo libero).
  • Mutamenti tecnologici (robotica, digitalizzazione, intelligenza artificiale, criptovalute).
  • Mutamenti ambientali (energie pulite, cibo, acqua, infrastrutture).

Dal 2003 ad oggi l’andamento degli indici legati ai Megatrend ha fatto segnare un rialzo decisamente superiore rispetto all’indice mondiale MSCI World. Dal grafico sottostante possiamo notare notevoli differenze tra i vari settori.

Megatrend a confronto - Fonte Bloomberg

Megatrend a confronto – Fonte Bloomberg

La vera sfida da affrontare nei prossimi anni sarà l’aumento della popolazione mondiale in alcune aree.  Nel 2025 il nostro pianeta sarà popolato da 15 miliardi di abitanti, mentre linvecchiamento caratterizzerà le aree attualmente più sviluppate.

Serviranno più acqua e cibo, maggiore attenzione nell’impiego delle risorse naturali, nuove modalità di trasporto.

L’Ocse ha stimato che solo nei prossimi 15 anni verranno investiti ogni anno circa 1.500 miliardi di euro per finanziare la realizzazione e la manutenzione di infrastrutture. Considerate le difficoltà di bilancio che caratterizzano molte economie avanzate, solo una piccola parte dei fondi necessari arriverà dalle casse pubbliche. Tutto il resto sarà a carico di privati o grandi investitori istituzionali come fondi di private equity, casse professionali e società miste pubblico-privato.

In questo articolo, di carattere introduttivo, abbiamo visto le tendenze future nella loro globalità; nei prossimi articoli vedremo in dettaglio le singole tematiche. Suggeriremo anche strumenti specifici su cui puntano i consulenti finanziari indipendenti.

Riuscire a “cavalcare” una tendenza fin dall’inizio può portare a conseguire risultati decisamente superiori alla media del mercato… 

Fabrizio Taccuso

 

Fabrizio Taccuso

Fabrizio Taccuso, consulente finanziario indipendente, ha lavorato per vent’anni nel settore della Consulenza Finanziaria ai privati. Nel 2006 ha conseguito la certificazione internazionale €PFA di primo livello di European Financial Advisor. Nel 2007 ha frequentato il Master in Fee Only Financial Planning di Consultique e si è iscritto a Nafop. Segui Fabrizio Taccuso su Google+

Lascia un commento