Lontano dai prodotti venduti dalle banche, meglio gli Etf!

I prodotti venduti dalle banche sono le obbligazioni strutturate, le polizze index e unit linked, le gestioni patrimoniali, i fondi comuni.

Nella mia esperienza di consulente finanziario indipendente, mi capita quasi ogni giorno, di imbattermi in portafogli che contengono questi prodotti inefficienti e costosi. Gli sportellisti della banca li collocano a tutti i clienti per fare il budget, a prescindere che si tratti della casalinga di turno, del pensionato o dell’ignaro professionista i soliti prodotti.

Il motivo è chiaro: bisogna guadagnare e quindi i prodotti venduti dalle banche sono quelli che fanno guadagnare di più la banca!

Prodotti venduti dalle banche

Prodotti venduti dalle banche

I risultati sono sempre gli stessi: il malcapitato risparmiatore si trova un prodotto non adatto alle sue esigenze, di cui spesso ignora le caratteristiche e che “ingessa” il Portafoglio per anni, con notevoli costi e nessun beneficio!

Oggi però con un po’ di accortezza e dedicando tempo alla cura dei propri risparmi, oppure delegando le proprie scelte di investimento a professionisti indipendenti, è possibile investire in strumenti semplici ed efficienti, gli ETF.

Le banche non li consigliano (anzi li sconsigliano dicendo che sono rischiosi) solo perchè le banche non guadagnerebbero nulla.

Gli ETF sono fondi comuni d’investimento negoziati direttamente in Borsa. Uniscono i vantaggi dei fondi comuni a quelli delle azioni.
Gli Etf sono fondi indicizzati, ossia replicano in modo accurato la performance di un indice sottostante. Ad esempio l’Etf Ishares Ftse Mib replica l’andamento del Ftse Mib, il principale indice azionario italiano. Ma gli Etf possono replicare anche altri indici azionari mondiali, quelli obbligazionari, indici relativi a materie prime, indici settoriali o immobiliari.
Attraverso gli Etf è dunque possibile costruire portafogli completi. Possiamo costruire strategie d’investimento ma anche di copertura. Esistono infatti ETF a leva (che amplificano l’andamento di un indice sottostante), ma anche Etf Short (che scommettono cioè sulla discesa dell’indice sottostante).

Quali sono i principali vantaggi di chi sottoscrive gli Etf?

  • Trasparenza  (è chiaro l’obiettivo del fondo, i titoli inseriti e il costo complessivo detto TER);
  • liquidità (sono quotati in Borsa e possono essere dunque scambiati in ogni momento della giornata);
  • diversificazione (coprono un’ampia gamma di asset class e con un solo strumento si prende posizione su intero);
  • flessibilità (possiamo utilizzarli all’interno del nostro Portafoglio sia in chiave tattica che in ottica strategica);
  • costi (notevolmente più bassi rispetto ai prodotti venduti dalle banche).

I principali ETF quotati sulla Borsa Italiana sono attualmente emessi da Lyxor, Ishares, Deutsch Bank, Amundi e Powershares.

Consulenza Vincente è a tua disposizione per farti conoscere meglio gli Etf. Da tempo costruiamo portafoglio composti esclusivamente da questi strumenti che sono adatti sia a Portafogli complessi che per risparmiatori medio-piccoli.

Fabrizio Taccuso 

Lascia un commento