Portafoglio Titoli Azionari Usa

I titoli azionari Usa saranno gli unici, tra i principali listini azionari, a chiudere il 2011 praticamente invariati.

Viceversa l’andamento di tutte le altre Borse Mondiali è stato negativo. 

Investire nei titoli azionari Usa è strategico in quanto gli Stati Uniti sono l’economia più grande ed importante del mondo. Le più grandi aziende multinazionali hanno sede negli Usa e Wall Street è la più grande borsa al mondo. Gli Usa hanno un peso di circa il 60% all’interno dell’indice MSCI World. Seguono il Giappone (8,95%) e il Regno Unito (6,63%).

Wall Strret - investire in titoli azionari Usa

Wall Strret – investire in titoli azionari Usa

Consulenza Vincente, all’interno di un portafoglio diversificato, ha deciso di creare una linea di investimento composta proprio da Titoli Azionari Usa.

All’interno dell’indice S&P 500 verranno selezionati le società in base a:

  • situazione patrimoniale e finanziaria;
  • redditività ed efficienza gestionale;
  • indicatori di crescita ed area di business;
  • indicatori di analisi tecnica

La linea di investimento in titoli azionari Usa è composta da circa 15 titoli e diversificata per aree settoriali. Con cadenza mensile effettueremo una revisione delle società in Portafoglio, ma tutte le volte che sarà  necessario interverremo con input tattici per cogliere le migliori opportunità. Riteniamo che sia un’importante integrazione per qualsiasi portafoglio.

A differenza di altre piazze azionarie, l’ampiezza e l’elevata liquidità del mercato statunitense offrono eccellenti opportunità di diversificazione a livello di temi e trend d’investimento. In virtù della forte presenza internazionale di molte aziende statunitensi, investire in azioni americane spesso significa investire nella crescita globale.

Inoltre l’economia statunitense è anche la più tecnologicamente avanzata e competitiva del mondo. Quindi riteniamo che la mancata esposizione ai mercati Usa potrebbe comportare nel tempo ripercussioni negative per la performance del portafoglio.

Fabrizio Taccuso 

Lascia un commento