La correlazione tra Bitcoin e S&P 500 è ai massimi da 2 anni

La correlazione tra Bitcoin e S&P 500, il principale indice americano stanno aumentando.

Negli ultimi 90 giorni, la correlazione tra i rendimenti percentuali giornalieri della criptovaluta e S&P 500 è del 33%, il più alto da quando la criptovaluta ha iniziato ad attirare l’attenzione pubblica nel gennaio 2016.

Il massimo precedente degli ultimi due anni era molto più basso, al 19%, a metà dicembre 2017. La correlazione media di lungo periodo è negativa dell’1%, ha mostrato in un’analisi Nick Colas, uno dei primi strateghi di Wall Street.

Correlazione tra Bitcoin e S&P 500

Correlazione tra Bitcoin e S&P 500

Il Bitcoin è salito del 2.000% nei 12 mesi fino a dicembre, superando ben $ 19.000, aiutato da un aumento di interesse da parte degli investitori e da speculazioni derivanti da una maggiore attenzione da parte delle istituzioni. La più grande borsa a termine al mondo, la CME , e il suo concorrente, Cboe , hanno lanciato entrambi i prodotti bitcoin sui futures a dicembre, rendendo più facile per gli investitori istituzionali acquistare la principale criptovaluta.

Guardando i grafici del Bitcoin e S&P 500, si può notare una somiglianza interessante.

Il mercato azionario stava crescendo rapidamente fino a raggiungere nuovi record. Persino Donald Trump aveva twittato di come fosse salito del 20 percento dalla sua elezione. Poco prima, il 17 dicembre anche il Bitcoin è salito al massimo storico di $ 20.000.

Entrambi i mercati hanno quindi iniziato a precipitare. Prima il Bitcoin, con il prezzo che è sceso sino a 6.000 $ (5.480 Euro) dove ha arrestati il calo.

Grafico Bitcoin in Euro

Grafico Bitcoin in Euro

Anche il mercato azionario, dopo un rialzo infinito, è sceso rovinosamente in un modo simile. Il Dow Jones Industrial Average, ad inizio Febbraio, ha visto il suo più grande calo (in termini assoluti di punti indice) e l’S&P 500 ha avuto il suo peggior giorno dal 2011. Tanti si sono quindi chiesti se esistesse o meno una correlazione tra beni molto diversi.

Grafico S&P 500 a un anno

Grafico S&P 500 a un anno

Uno dei punti di forza degli investimenti in criptovalute come il Bitcoin è stata, sino a poco tempo fa, la mancanza di correlazione con i mercati finanziari globali consolidati.

Il coefficiente di correlazione è un numero compreso tra 1 e -1. Indica quanto è forte è la tendenza di due titoli, di un titolo ed un indice o di due indici, ecc. a muoversi assieme.

Un coefficiente di correlazione uguale a +1 indica due titoli che crescono e scendono assieme, amplificando il movimento sia di rialzo che di ribasso. Ciò aumenta però il rischio, smorzando l’effetto della diversificazione.
Un coefficiente di correlazione uguale a -1 indica due titoli con movimenti opposti, amplificando al massimo i benefici della diversificazione ed abbassando il rischio dell’investimento.

“L’attrazione del Bitcoin per gli investitori istituzionali potrebbe aumentare la correlazione”, ha detto l’analista azionario di Morgan Stanley James E. Faucette in una nota.

“Le nostre conversazioni con gli investitori certamente danno peso a questa visione – il che solleva una domanda chiave: se la correlazione dei Bitcoin con il mercato più ampio si concretizza completamente, ciò limita il suo vero potenziale?”

È troppo presto per dire se il Bitcoin può essere un bene di investimento sostenibile nel tempo. La Normativa che lo riguarda è ancora molto incerta; inoltre la Criptovaluta ha una natura fondamentalmente diversa rispetto alle risorse tradizionali.

Altri analisti suggeriscono che, se per ora esiste una correlazione con le azioni, le Criptovalute come il Bitcoin potrebbero rappresentare un indicatore dell’appetito per attività rischiose come le azioni. Infatti nel 2017 c’è stato un rialzo inarrestabile delle Borse e di tutte le Criptovalute, Bitcoin in primis. Ma quando la Volatilità è tornata a salire improvvisamente, il sentiment degli investitori non è rimasto un fattore isolato alle Borse, ma si è trasferito prontamente anche alle Criptovalute.

Quindi da qui in avanti attenzione: fare soldi facili in un trend sempre al rialzo sarà piuttosto difficile!

Molto probabilmente sui mercati dovremo abituarci ad oscillazioni di tutti i mercati molto più ampi di quelli che abbiamo visto negli ultimi anni… in un senso e nell’altro…

Fabrizio Taccuso

 

 

Lascia un commento