Check up del Portafoglio, perchè è importante farlo periodicamente

Il check up del Portafoglio è il processo attraverso cui si controlla periodicamente la salute finanziaria dei tuoi investimenti.

Quando investi, come nella vita, puoi contare su una costante: il cambiamento. Le cose cambiano, i mercati cambiano, i gestori di fondi sviluppano nuove strategie, ma soprattutto la tua vita si evolve perchè si modificano i tuoi bisogni ed i tuoi obiettivi. Questi fattori richiedono modifiche al tuo portafoglio. E’ quindi importante fare manutenzione per valutare la validità della tua asset allocation e degli strumenti che la compongono.

Il check up del Portafoglio è molto importante in quanto sul mercato ci sono varie problematiche legate a:

In pratica solo quando non hai mai fatto investimenti o non hai nessuna posizione finanziaria aperta non serve fare il check up del Portafoglio. In tutti gli altri casi è fortemente consigliata la verifica della tua posizione e della bontà delle scelte che hai effettuato.

Check up del Portafoglio

Check up del Portafoglio

L’obiettivo del check up finanziario è consentirti di acquisire le conoscenze e la necessaria sensibilità per:

  • orientare meglio l’analisi dei tuoi bisogni e obiettivi finanziari;
  • effettuare una corretta allocazione delle risorse partendo dall’analisi della tua situazione patrimoniale;
  • valutare il Portafoglio in essere sulla base della tua strategia di investimento;
  • confrontare i prodotti sottoscritti con un indice di riferimento (benchmark) appropriato;
  • verificare l’esistenza e la qualità del sistema di controllo e manutenzione degli attivi nel tempo;
  • respingere gli approcci da parte dei venditori basati sul mero collocamento di prodotti.

Il punto focale alla base di una corretta pianificazione finanziaria deve essere sempre l’analisi dei tuoi bisogni.

La definizione dei bisogni di un risparmiatore dipende, ovviamente, dal suo posizionamento nel proprio ciclo di vita. Un nucleo familiare giovane ha bisogni sensibilmente differenti da una coppia matura, oppure da un single. Questa semplice evidenza, da sola, giustifica ampiamente un’attenta personalizzazione dell’analisi, proprio perchè ogni inviduo è  “unico e irripetibile”.

Reddito, consumi, i tuoi obiettivi ed il tuo stile di vita sono  quindi le condizioni da individuare prima di prendere in considerazioni qualsiasi soluzione di investimento.

Se sino ad oggi il tuo consulente (ma molto più spesso il termine corretto da usare sarebbe venditore) non si è mai preoccupato di comprendere questi importanti aspetti della tua vita, sappi che gli interessa solo venderti dei prodotti. Questo significa però che è arrivato il momento di cambiare radicalmente il tuo approccio agli investimenti.

Come abbiamo più volte scritto in passato, molto spesso il portafoglio è semplicemente la sommatoria di prodotti sottoscritti nel tempo in maniera del tutto “casuale”.  Ciò avviene in base alle mode del momento (es. fondi a cedola o fondi a scadenza) o alle pressioni commerciali delle varie reti di vendita che devono collocare prodotti (es. polizze assicurative) unicamente per garantirsi laute provvigioni.

Nel caso non ti fosse ancora abbastanza chiaro, sappi che le banche e le varie reti commerciali hanno più a cuore il loro conto economico che le tue esigenze o il tuo benessere finanziario.

Le statistiche dimostrano che gli stock più elevati di raccolta sono realizzati su prodotti spesso qualitativamente scadenti. A trarne beneficio sono proprio le reti più aggressive dal punto di vista commerciale che investono molto in pubblicità sui media e che hanno un marchio conosciuto.

Ciò che frena maggiormente un buon rendimento a lungo termine sono i costi dei prodotti. Questo è ancora più evidente in una fase che si prolunga da diversi anni caratterizzata da tassi prossimi allo zero. Ogni punto percentuale che se ne va in commissioni ti penalizza due volte. Infatti oltre ad avere un effetto immediato sui tuoi guadagni, ti danneggia anche dal punto di vista della capitalizzazione composta degli interessi. I costi costituiscono una zavorra che frena la crescita del capitale.

Eliminare i costi in eccesso è dunque un obiettivo fondamentale del check up del portafoglio. A tal fine ti consigliamo di leggere il nostro articolo sulla cosiddetta parcella occulta.

E’ bene evidenziare che in ambito finanziario non funziona come in altri settori, in cui ad un maggior costo corrisponde, normalmente, un prodotto migliore. Le ricerche condotte da società indipendenti relativamente ai costi applicati ai vari prodotti dimostrano che i rendimenti di strumenti passivi a basso costo (Etf) superano quelli dei prodotti più costosi in ogni periodo e in ogni classe di attività.

Partendo dal check up del Portafoglio è senza dubbio opportuno estendere l’analisi anche ad altri ambiti (previdenziale, assicurativo, successorio). La cura del proprio denaro è sempre più necessaria in quanto sono sempre più complesse le esigenze degli individui, per vari motivi:

Quelli elencati sono solo alcuni temi che lo staff di Consulenza Vincente ti può aiutare a comprendere meglio ed a pianificare. Una delle mission di Consulenza Vincente è quello di rendere più consapevoli investitori e risparmiatori e soprattutto affiancarli nelle principali scelte finanziarie.

Le vacanze alle porte, e quindi maggior tempo libero a disposizione, potrebbero essere il momento giusto per prendere in considerazione un ambito tanto importante come la corretta ed adeguata allocazione delle tue risorse finanziarie. Contattaci…

Fabrizio Taccuso

 

Lascia un commento