Rating Italia: Fitch conferma giudizio BBB con outlook negativo

Rating Italia: l’agenzia Fitch ha confermato ieri sera il rating BBB, ma ha rivisto al ribasso l’outlook da ‘stabile’ a ‘negativo’.

Nessuna retrocessione al Rating Italia, dunque, al livello dei titoli junk bond (“spazzatura”). All’origine della decisione  la formazione del nuovo governo, che secondo l’agenzia potrebbe portare ad un livello di allentamento di bilancio. In pratica il debito pubblico è più esposto a shock potenziali.

Il debito pubblico dell’Italia rimarrà “molto elevato”, lasciando il Paese “più esposto a potenziali shock”, spiegano gli analisti di Fitch. Fra le principali criticità sottolineano:

  • la natura nuova e non collaudata del governo;
  • le considerevoli differenze politiche fra i partner della coalizione;
  • le contraddizioni fra gli elevati costi dell’attuazione degli impegni presi nel ‘Contratto’;
  • l’obiettivo di ridurre il debito pubblico.

“Non è chiaro come queste tensioni politiche saranno risolte. Il rapporto deficit/pil è stimato all’1,8% nel 2018, più alto di 0,2 punti rispetto alle stime del Governo, per effetto dei maggiori interessi sui titoli di Stato”, spiegano sempre da Fitch.

Che cos’è il rating?

Il rating è una classificazione, un giudizio di affidabilità che viene espresso da soggetto esterni ed indipendenti, le agenzie di rating. Prende in esame la solidità, la sicurezza e la capacità presente e futura di una società di riuscire a rimborsare il debito esistente. Le agenzie di rating attribuiscono un giudizio circa la solvibilità, cioè la capacità di generare le risorse necessarie a far fronte agli impegni presi nei confronti dei creditori. Tale giudizio è sottoposto a revisione periodica.

Chi sono le agenzie di rating e perchè è importante il loro giudizio?

Le agenzie di rating sono enti che effettuano ricerche ed analisi finanziarie sulle società emittenti titoli sul mercato finanziario, stabilendone il rischio di investimento. Le tre più conosciute, ribattezzate le Big Three hanno tutte base principale a New York e sono:

  • Standard & Poor’s
  • Moody’s
  • Fitch
Rating Italia - Principali Agenzie

Rating Italia – Principali Agenzie

Si occupano soprattutto di analizzare i titoli di Stato ed è per questo che sono spesso al centro delle cronache, dal momento che il loro giudizio è talmente importante da condizionare i mercati. Attraverso la loro valutazione determinano se un titolo è da acquistare, vendere oppure mantenere in Portafoglio. 

Il rating è assegnato contrassegnando la valutazione secondo diverse scale di valori che variano in base all’agenzia che si occupa di emettere il rating stesso. La scala dei valori che possono essere assegnati è una scala standard composta in genere da lettere ed altri simboli. In tutti e tre i casi il giudizio “AAA” indica il massimo grado di solvibilità di una società. Standard & Poor’s e Fitch attribuiscono anche il rating “D” che indica invece lo stato di una società insolvente. L’agenzia Moody’s ha una scala di valori leggermente diversa e prevede come rating più basso una C.

In base ai giudizi delle agenzie di rating gli investitori retail e istituzionali valutano le loro strategie di allocazione del capitale.

In genere un rating che giunga fino al limite minimo della tripla B (BBB) viene considerato investment grade. In pratica si tratta di un investimento relativamente sicuro sul quale possono indirizzare i propri capitali anche gli investitori istituzionali come le grandi banche d’affari.

Rating Italia - Merito creditizio

Rating Italia – Merito creditizio

Al di sotto di questa soglia un titolo acquista una rischiosità troppo elevata. Perciò in genere le obbligazioni con un rating inferiore a BBB sono definite speculative. Il giudizio attribuito all’Italia è proprio BBB, quindi il nostro Paese è proprio un gradino sopra il livello di “non investimento”. Al momento il rating Italia delle altre principali agenzie è: S&Poor’s BBB e Moody’s Baa2.

Non dobbiamo mai dimenticare la regola generale: rating più basso significa maggior rischio quindi un rendimento maggiore. Viceversa rating più alto significa minor rischio e minor rendimento.

Rating Italia: il motivo dell’Outlook negativo viene riassunto da questa nota:

Non ci aspettiamo che il governo” dell’Italia“ duri l’intero mandato e vediamo un aumento della possibilità di elezioni anticipate dal 2019. Fitch
“.

L’outlook negativo è un campanello d’allarme per il governo italiano, ma lo è soprattutto per i risparmiatori e gli investitori. Fotografa le conseguenze possibili del clima di tensione e di incertezza determinato dalla confusione che regna nel governo. Rappresenta un brusco richiamo alla realtà per chi ancora volesse inseguire fantasmagorici progetti di reddito di cittadinanza o di abolizione della legge Fornero.

Inutile sottolineare che, qualora si verificasse lo scenario descritto da Fitch, ci sarebbe un downgrade (declassamento) dell’Italia. Lo spread, attualmente vicino ai 300 punti, in un circolo vizioso schizzerebbe alle stelle come è già successo nel 2011 e sarebbero dolori per tutti…

Fabrizio Taccuso

Lascia un commento