Il conflitto di interessi nel mondo finanziario, che cos’è?

Cosa trovi in questo post:

Il conflitto di interessi si verifica quando l’interesse di una parte si scontra con quella di un altro soggetto.

Il conflitto di interessi nel mondo finanziario è piuttosto palese, perché l’interesse della banca e del promotore finanziario sono in contrasto con i tuoi.

La banca è un’ente commerciale che ha fine di lucro, e deve fare i propri interessi. Poi ci sono gli interessi del cliente che, molto spesso, non ha la cultura finanziaria e nemmeno la conoscenza degli strumenti per tutelarsi. Accade spesso che i consigli interessati di banche e promotori finanziari penalizzino i tuoi investimenti. In gergo tecnico si parla di asimmetria informativa.

In questo articolo ti parlo di una vicenda accaduta recentemente. Il Sig. Franco (nome di fantasia), pensionato ottantenne ha un’azienda gestita a livello familiare, con una parte degli investimenti mobiliari presso un promotore finanziario di un primario gruppo italiano. A fine 2014 il Portafoglio gestito dal promotore ammontava a 610 mila euro ed era costituito esclusivamente da fondi comuni di investimento azionari. A luglio di quest’anno la somma era diventata 750 mila euro.

Seguo da alcuni anni il patrimonio finanziario del sig. Franco presso altre banche, con l’unica eccezione della posizione di cui sopra. Proprio per questo motivo, mi chiese un parere sul da farsi, soprattutto se fosse il caso di prendere profitto, considerato il forte rialzo. Più volte in passato il suo Portafoglio aveva subito notevoli oscillazioni, senza che il tutto si concretizzasse in guadagni sostanziali.

In pratica il promotore finanziario non gli aveva mai suggerito di prendere profitto e ridurre il rischio, nemmeno nei momenti favorevoli di mercato. In seguito all’analisi dei fondi contenuti nel dossier e considerando età, grado di rischio degli strumenti finanziari e contesto generale dei mercati, consigliai di smobilizzare l’intera posizione, parcheggiandola, almeno temporaneamente, in liquidità.

Il mio suggerimento era basato su alcune considerazioni fondamentali:

  • 23% in sei mesi è un guadagno notevole, soprattutto in considerazione delle incognite che si addensavano in quel periodo sui mercati (Grecia e Cina).
  • Il guadagno ottenuto in pochi mesi dagli investimenti finanziari era ben superiore al guadagno che l’azienda del Sig. Franco consegue in due anni di duro lavoro.
  • Il periodo estivo è statisticamente poco favorevole per i mercati finanziari, soprattutto quando i mesi precedenti sono stati fortemente positivi.
  • Il sig. Franco ha 80 anni e non può mettere a rischio tutto il suo patrimonio.

Incontrammo il promotore per chiedere di liquidare l’intera posizione. Peraltro avevo premesso al Sig. Franco che il suo proposito avrebbe sicuramente incontrato le resistenze del promotore finanziario. E così è stato. Il promotore ha risposto affermando che l’ufficio studi della banca e i gestori dei fondi ritenevano che i mercati avessero ancora ampi margini di crescita. Pertanto non avrebbe avuto senso smobilizzare tutto in quel momento.

Il Sig. Franco si è lasciato parzialmente convincere dal promotore. smobilizzando solo il 50% della posizione. Il risultato è stato che la scorsa settimana la sua posizione è tornata a 650 mila euro!! E meno male che il rischio è stato ridotto della metà!

Perché é accaduto questo? Proprio per il conflitto di interessi che impedisce di essere imparziali…

Non puoi essere obiettivo nelle valutazioni quando certe scelte vanno a ledere il tuo tornaconto personale. E anche quello della banca mandante. Analizzando tutti i fondi che componevano gli investimenti, abbiamo calcolato un TER annuo (ossia la sommatoria dei costi di gestione) del 2,83%, pari a circa 17.000 euro. Tale ammontare costituisce il guadagno incamerato da banca, promotore finanziario e Sgr.

Nel momento di smobilizzo dei prodotti, banca e promotore non avrebbero più percepito cospicue commissioni.

In pratica si tratta della parcella occulta, di cui più volte ti ho parlato. Il Sig. Franco la paga senza esserne consapevole. Ma ogni anno incide pesantemente sul rendimento complessivo del Portafoglio. 

Ti lascio con due domande:

Conosci i prodotti finanziari che ti ha consigliato la banca in totale conflitto di interessi?

Sei consapevole delle spese che paghi tutti gli anni e che zavorrano i tuoi investimenti?

Se vuoi approfondire l’argomento, contattami per il check up gratuito del tuo portafoglio

Fabrizio Taccuso

Verifica subito la salute dei tuoi investimenti

Scegliere un consulente finanziario indipendente di tua fiducia significa avere un partner con cui ti puoi confrontare costantemente. Un professionista che ti aiuta a fare scelte informate, razionali e soprattutto consapevoli.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I lettori hanno approfondito questo argomento con:

Iscriviti alla newsletter di Consulenza Vincente ™

Inserisci il tuo indirizzo email per rimanere aggiornato sui consigli relativi a pianificazione finanziaria, investimenti finanziari e patrimoniali, previdenza complementare e tutto ciò che riguarda il risparmio.