Conto Deposito, cos’è e quali sono i vantaggi e gli svantaggi

Cosa trovi in questo post:

Il Conto Deposito è una forma di allocazione del denaro molto semplice che ti consente di rischiare poco senza rinunciare allo stesso tempo a un guadagno certo.

Il Conto Deposito è un salvadanaio in cui versi il tuo denaro.

In cambio ottieni un interesse che varia in base a:

  • durata dell’investimento;
  • tipologia di deposito che hai scelto.

Si distingue quindi dal tradizionale conto corrente in cui fai operazioni di accredito, addebito e pagamenti vari e può essere di tue tipi:

  • libero;
  • vincolato.

Nel caso di deposito libero i tuoi soldi sono sempre disponibili e pertanto puoi prelevarli quando vuoi. Mentre nel caso di deposito vincolato puoi ritirare la somma solo alla scadenza di un vincolo che, normalmente, può variare dai 3 ai 60 mesi. Il vincolo, però, ti consente di percepire maggiori interessi. Alcuni depositi vincolati ti impediscono di avere i soldi prima della scadenza; altre volte, invece, puoi avere indietro i soldi anche prima, ma senza percepire alcun interesse. Gli interessi possono essere liquidati interamente all’attivazione del vincolo, con cedole periodiche, oppure alla scadenza.

E’ sicuro il conto Deposito?

Il livello di sicurezza dipende dalla solvibilità della banca che scegli. Tuttavia se investi una somma inferiore a 100 mila euro per ogni intestatario, in caso di bancarotta, il Fondo interbancario di tutela dei depositi (FIDT) assicura il rimborso del capitale, ad ulteriore garanzia dell’investimento. Pertanto ti sconsiglio di investire una somma maggiore per ogni Conto Deposito.

Quanto rende?

Poiché siamo ancora in una fase di tassi bassi, il rendimento è piuttosto contenuto. In alcuni casi puoi arrivare a rendimenti attorno al 2%. Per facilitarti le cose, alcune banche nei loro siti riportano dei calcolatori in cui puoi visualizzare direttamente l’interesse percepito con vincolo e senza vincolo alle varie scadenze.

La fiscalità del Conto Deposito

Se sottoscrivi un Conto Deposito sei soggetto a due tipi di tassazione:

  • la ritenuta fiscale;
  • l’imposta di bollo

L’aliquota fiscale ammonta al 26% ed è applicata alla fonte; in pratica gli interessi vengono tassati prima del rimborso. Per quanto riguarda l’imposta di bollo, in caso di deposito attivo al 31 Dicembre si applica lo 0,20% sul capitale per frazione d’anno in cui il deposito è stato attivo. In caso di deposito terminato (o chiuso anticipatamente) prima del 31 Dicembre, se il conto è stato attivo durante l’anno, si applica un’imposta di bollo di 1 Euro.

Promozioni di varia natura

Le banche spesso effettuano promozioni, per periodi limitati di tempo, attraverso le quali offrono un tasso più alto. In genere sono rivolte a nuova clientela, oppure al versamento di nuova liquidità. Ciò significa che se sei già cliente per beneficiare della promozione devi versare nuova liquidità proveniente da altre banche. In caso contrario non puoi fruire della promozione. Oppure l’offerta è subordinata all’apertura di un conto corrente ed all’accredito dello stipendio o della pensione.

Il Conto Deposito deve far parte di una corretta diversificazione del Portafoglio.

A meno che tu non debba sostenere un esborso a breve termine e pertanto non ti puoi permettere di correre rischi, il Conto Deposito deve far parte di una diversificazione dei tuoi attivi patrimoniali. E’ giusto destinare a questo prodotto finanziario solo la parte più prudente del tuo patrimonio. Non ha alcun senso, come fanno tanti risparmiatori, investire tutto in un Conto Deposito o peggio ancora lasciare tutta la liquidità sul conto corrente.

Se prevedi di non dovere sostenere spese ravvicinate nel tempo, è senza dubbio più corretto fare una pianificazione dei tuoi investimenti. Con i tassi in forte cresciata corri il rischio che il tuo capitale perda potere d’acquisto a causa dell’inflazione. E ti espone a possibili rischi nel caso lo Stato dovesse applicare una “Patrimoniale“.  Quindi fai attenzione e ricorda che ci sono modalità d’investimento più performanti (se valutate in un corretto orizzonte temporale).

E se non sai come fare, contattami per una consulenza finanziaria personalizzata…

Fabrizio Taccuso 

Verifica subito la salute dei tuoi investimenti

Scegliere un consulente finanziario indipendente di tua fiducia significa avere un partner con cui ti puoi confrontare costantemente. Un professionista che ti aiuta a fare scelte informate, razionali e soprattutto consapevoli.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I lettori hanno approfondito questo argomento con:

Iscriviti alla newsletter di Consulenza Vincente ™

Inserisci il tuo indirizzo email per rimanere aggiornato sui consigli relativi a pianificazione finanziaria, investimenti finanziari e patrimoniali, previdenza complementare e tutto ciò che riguarda il risparmio.