Consulenza finanziaria indipendente: cos’è, vantaggi e benefici per i clienti

Cos'è e come funziona la consulenza finanziaria indipendente: vantaggi e benefici per i clienti secondo la giornalista Milena Gabanelli.

Cosa trovi in questo post:

La consulenza finanziaria indipendente è un insieme di servizi e consigli in materia di pianificazione finanziaria e consulenza agli investimenti.

Vantaggi e benefici della consulenza finanziaria indipendente

Quali sono i vantaggi della Consulenza Finanziaria indipendente? Perché dovrei affidarmi ad un professionista che devo pagare, quando la mia banca o il promotore finanziario non mi costano nulla?

La risposta è piuttosto semplice e deriva dallo status del consulente che eroga il servizio di consulenza finanziaria indipendente:

  • è un libero professionista come altre figure già riconosciute, tipo il commercialista o l’avvocato;
  • non vende prodotti, per cui l’obiettivo principale della sua attività è aiutare il cliente a raggiungere i principali obiettivi finanziari, come lo studio dei figli, l’integrazione della pensione, l’acquisto dell’abitazione;
  • consiglia esclusivamente strumenti meno costosi, quotati e trasparenti.

Non è vero che la Banca, la Posta e i Promotori non costano nulla. Collocano prodotti, spesso rischiosi, che consentono a loro di fare utili per pagare il management e remunerare gli azionisti. Tali prodotti sono caricati di costi e commissioni, palesi ed occulte. A vario titolo, anno dopo anno, incidono pesantemente sulle performance dei tuoi investimenti.

Tutto ciò dà origine a quella che viene definita la parcella occulta.

Il consulente finanziario indipendente lavora sulla base di un contratto annuale di consulenza, per cui il suo interesse coincide con il tuo. Il rapporto è win-win.

In realtà l’utilizzo di strumenti efficienti in sostituzione dei prodotti costosi proposti dalle banche, o dalle varie reti di consulenza finanziaria, permette di abbattere i costi annui sino ad un 70-80% e la parcella del consulente finanziario indipendente si paga ampiamente da sé.

Quindi la consulenza finanziaria indipendente consente:

  • maggiore efficienza;
  • di ridurre il rischio dei prodotti finanziari;
  • un risparmio notevole di costi

Ecco, in sintesi, i vantaggi della consulenza finanziaria indipendente. A te la scelta se rimanere dove sei o ampliare i tuoi orizzonti.

Checkup gratuito Consulenza Vincente

Come funziona la consulenza finanziaria indipendente

In che modo la consulenza finanziaria indipendente può essere concretamente utile nella gestione del mio patrimonio?

Dal punto di vista pratico, dopo che è stata fatta la cosiddetta profilatura, il consulente finanziario indipendente fornisce al cliente indicazioni riguardanti la riorganizzazione del patrimonio nell’ambito finanziario, assicurativo, immobiliare, fiscale e successorio.

All’atto pratico per la parte finanziaria e assicurativa evidenziamo le caratteristiche dei prodotti detenuti in portafoglio e i relativi costi. Se necessario, come spesso accade, sostituiamo tali prodotti con strumenti più efficienti, ottenendo il duplice effetto di far risparmiare costi e ottenere migliori performance.

I nostri consigli contribuiranno alla costruzione di un portafoglio ottimale, a esclusivo beneficio del cliente. Per quanto riguarda le altre aree di intervento, studiamo soluzioni “su misura”.

Il cliente può mantenere la banca con cui opera abitualmente, senza spostare il proprio denaro. Se lo ritieni opportuno, ed è senza dubbio preferibile, puoi affiancare alla banca tradizionale una piattaforma online specializzata. Ciò consente di investire in una gamma di strumenti qualitativamente e numericamente superiore. Inoltre i costi sono decisamente inferiori.

In finanza, il primo modo per guadagnare è risparmiare costi inutili. E ciò è possibile solo attraverso la consulenza finanziaria indipendente.

Ci sono ulteriori elementi qualitativi da valutare: il Consulente finanziario indipendente ha una visione globale del patrimonio. Potendo valutare tutte le tue posizioni bancarie evitiamo sovrapposizioni di prodotti e concentrazione del rischio.

Nelle fasi più delicate dei mercati, avere al tuo fianco un professionista esperto e di fiducia, permette di compiere scelte razionali e meno dettate dall’emotività. 

L’esperienza che lo staff di Consulenza Vincente ha maturato in questi anni anche nel campo del coaching, ci permette di supportare al meglio i clienti anche sotto l’aspetto psicologico.

In conclusione, rivolgendoti a un consulente finanziario indipendente non sei più in balia delle pressioni commerciali delle banche. Maggiore efficienza significa sicuramente anche una miglior performance complessiva del portafoglio. Quindi la consulenza finanziaria indipendente porta indubbi vantaggi sia da un punto di vista quantitativo e qualitativo.

Milena Gabanelli e la Consulenza Finanziaria Indipendente

Milena Gabanelli ha parlato della consulenza finanziaria indipendente e ne ha descritto i benefici e i vantaggi.

La giornalista Milena Gabanelli ha il grande pregio di andare dritta al punto, usando un linguaggio chiaro e comprensibile a tutti.

E anche questa volta non si smentisce. Guarda il video che dura poco più di 2 minuti.

Il mercato del risparmio è dominato da banche e assicurazioni che hanno sempre venduto al cliente ciò che era meglio per loro.

Questo è l’incipit del video di Milena Gabanelli, tratto dal sito del Corriere della Sera (clicca qui):

Milena Gabanelli e la consulenza finanziaria indipendente
Milena Gabanelli parla della consulenza finanziaria indipendente

Qui ti riassumo i punti salienti del video di Milena Gabanelli dedicato alla Consulenza Finanziaria Indipendente .

Da un paio d’anni le norme europee hanno imposto regole più rigide e istituito l’Albo dei consulenti puri, ossia tutti coloro che erogano la consulenza finanziaria indipendente.

Siamo vigilati da un Organismo apposito (Ocf) controllato a sua volta dalla Consob; ad oggi in Italia siamo complessivamente 306 soggetti. Siamo pagati esclusivamente a parcella (esattamente come gli avvocati ed i commercialisti) per consigliare soluzioni personalizzate per i nostri clienti. Non collochiamo, né vendiamo prodotti. Dobbiamo avere i seguenti requisiti:

  • onorabilità (non avere pendenze penali);
  • nessun legame (indipendenza) con banche, fondi e assicurazioni nemmeno a livello familiare;

Negli ultimi anni le Normative Mifid e Mifid 2 hanno posto le basi per un cambiamento, rendendo obbligatoria:

  • la profilatura del cliente, ossia esperienza, conoscenza degli strumenti, capacità di sopportare i rischi ecc.
  • maggiore trasparenza sulla rendicontazione dei costi e sulle modalità di remunerazione dei vari servizi, consulenza compresa, da parte di tutti gli intermediari.

Analizziamo la situazione patrimoniale complessiva del cliente, non limitandoci solo alla parte finanziaria, ma anche le coperture assicurative, la Previdenza, altre tutele patrimoniali, costruendo una “ricetta” personalizzata.

Poi seguiamo il cliente nella trattativa con la banca in cui tiene i soldi, allo scopo di finalizzare nel modo migliore l’acquisto o la vendita degli strumenti consigliati.

I costi di gestione, continua Milena Gabanelli, possono essere inferiori anche di dieci volte rispetto ai fondi tradizionali, proprio perché non devono remunerare né un gestore né una rete di vendita.

Banche, assicurazioni e reti di promozione finanziaria hanno sempre venduto al cliente sia prodotti che consulenza «implicita». Vuol dire che dentro alla voce «commissione» che il cliente paga per acquistare azioni, obbligazioni o fondi assicurativi. Una parte di questi costi va a remunerare il venditore. Una formula che lascia aperta la porta a un conflitto di interessi – ti vendo quello che conviene a me, anche se non sei in grado di capirlo, né di sopportarne la rischiosità – e che fa pensare al cliente di non aver pagato anche per il consiglio.

Milena Gabanelli e la Remunerazione della Consulenza
Milena Gabanelli – La remunerazione della consulenza

Quanto costa il «consiglio» secondo Milena Gabanelli?

La parcella varia in base alla complessità del portafoglio ed in base al tempo che il consulente deve dedicare. In soldoni parliamo di una cifra che può oscillare da un massimo dell’1% del patrimonio fino allo 0,4% (portafoglio di grandi dimensioni).

In Gran Bretagna, dove il modello della consulenza indipendente è maggioritario, uno studio del 2016 segnalava parcelle orarie tra le 150 e le 195 sterline. A questi costi va aggiunto quello degli strumenti e delle transazioni.

Ciò che è importante sottolineare è che il consulente finanziario indipendente consiglia solo le migliori soluzioni, che in finanza hanno anche costi molto bassi. Consigliare strumenti costosi in linea generale è sia contro il nostro interesse che quello dei nostri clienti.

Invece per quel che riguarda gli intermediari, nei rendiconti Mifid troviamo spesso un costo complessivo (le statistiche attestano tra il 2 e 3% annuo) che comprende anche la remunerazione del venditore, nonostante sia obbligatorio segnalarla in modo chiaro.

Checkup gratuito Consulenza Vincente

Quali sono i prodotti consigliati

Gli Etf, Exchange Traded Fund, sono gli strumenti più consigliati dai consulenti indipendenti. Ne abbiamo parlato in diversi articoli; sono adatti anche a chi ha disponibiltà più contenute. Replicano nel modo più fedele possibile un indice di mercato e ciò consente grande diversificazione e riduzione del rischio.

Prendiamo l’S&P 500, il paniere dei 500 titoli più importanti quotati a Wall Street: gli Etf che lo «copiano» offrono agli investitori la possibilità di comprare l’indice della Borsa americana con commissioni di gestione che non superano lo 0,15%, i più economici arrivano addirittura allo 0,05%.

Con i fondi comuni tradizionali il costo sarebbe stato tra l’1,5% e il 2,5%. Tale costo raramente viene ripagato da una performance migliore rispetto a quella dell’indice.

ETF vs Fondi Comuni
Etf vs Fondi comuni

Dall’analisi Morningstar del giugno 2019, negli ultimi dieci anni il 91,2% dei fondi disponibili per gli investitori europei che investono sulla Borsa Usa non è riuscito a battere gli Etf che investono a WallStreet.

A conti fatti, quindi, se si considera il peso dei costi in un lasso di tempo molto lungo – che comprende anche periodi di calo delle quotazioni – la maggior parte dei gestori attivi non produce alcun valore aggiunto.

I punti di forza della consulenza finanziaria indipendente

Ricapitolando, soluzioni personalizzate, costi abbattuti sino al 90% e una Pianificazione Finanziaria basata solo sui tuoi obiettivi, sono i punti di forza dei Consulenti Finanziari Indipendenti come Consulenza Vincente ™.

Fabrizio Taccuso | Consulenza Vincente

Domande frequenti sulla Consulenza Finanziaria Indipendente

Quanto costa la consulenza finanziaria indipendente?

La parcella è parametrata al patrimonio oggetto di consulenza e si aggira
attorno all’1%+IVA annuale. Si tratta di un valore indicativo, perché va valutato
caso per caso in base al patrimonio sotto consulenza. La percentuale tende a
diminuire all’aumentare del patrimonio. Per patrimoni importanti si applica un
costo annuo forfettario. In caso di servizio una tantum si applica un costo orario
in base alla tipologia di servizio richiesto.

Perché non continuare a rivolgersi a chi eroga “consulenza gratuita”?

La consulenza tradizionale erogata da banche, Sim, Sgr e compagnie di
assicurazioni non può essere definita “consulenza gratuita”. I prodotti proposti
sono caratterizzati da una struttura di costi espliciti ed impliciti molto alta che
viene solo parzialmente esplicitata. Con il passare degli anni la sommatoria di
tali costi incide fortemente sul rendimento complessivo del portafoglio
penalizzando gli investimenti. Una vera consulenza, per essere considerata tale,
deve essere slegata dalla vendita di prodotti.

Quanto dura il servizio di consulenza finanziaria indipendente?

In caso di servizio continuativo di consulenza, il contratto ha una durata
annuale. Se il cliente è soddisfatto del lavoro svolto può tacitamente rinnovare il
contratto. In caso contrario il rapporto di consulenza si interrompe.

Cos’è la consulenza finanziaria indipendente?

La consulenza finanziaria indipendente consiste in una serie di servizi che hanno
l’obiettivo di fornire ai propri clienti conoscenze e competenze in modo da
aiutarli ad effettuare scelte di investimento consapevoli. Si parte da obiettivi e
progetti di vita delle persone e si consigliano solo le migliori soluzioni di
investimento tra tutte quelli presenti sul mercato. La caratteristica principale è
che l’unica remunerazione percepita dal consulente deriva dalla parcella
pagata dal cliente.

Qual è la differenza tra consulenza finanziaria indipendente e le altre figure che
lavorano in ambito finanziario?

La consulenza finanziaria indipendente é remunerata esclusivamente
attraverso la parcella pagata dal cliente. Non vengono retrocesse commissioni
o provvigioni da banche, Sim, compagnie di assicurazioni e Sgr per la vendita o
il collocamento di prodotti. Si opera quindi in totale autonomia e indipendenza
senza alcun conflitto d’interesse, avendo come unico ed esclusivo obiettivo la
soddisfazione del cliente.

Verifica subito la salute dei tuoi investimenti

Scegliere un consulente finanziario indipendente di tua fiducia significa avere un partner con cui ti puoi confrontare costantemente. Un professionista che ti aiuta a fare scelte informate, razionali e soprattutto consapevoli.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I lettori hanno approfondito questo argomento con:

Iscriviti alla newsletter di Consulenza Vincente ™

Inserisci il tuo indirizzo email per rimanere aggiornato sui consigli relativi a pianificazione finanziaria, investimenti finanziari e patrimoniali, previdenza complementare e tutto ciò che riguarda il risparmio.