Il rischio nei portafogli è cambiato

da | Mag 18, 2015 | Attualità e Mercati | 0 commenti

Il rischio nei portafogli è cambiato perché non è sempre valida la correlazione tra alto rischio e alto rendimento atteso.

Di rischio nei portafogli si è parlato nel numero di Plus 24 del Sole 24 Ore dello scorso weekend. Sono stato intervistato in seguito al pesante storno avvenuto nei giorni scorsi sui titoli sovrani. La simultanea flessione di azioni e bond impone di rivedere le scelte tradizionali anche per gli investitori prudenti.

Il rischio nei portafogli è cambiato

Il rischio nei portafogli è cambiato

Non basta più distinguere tra bond e azioni per aver un approccio prudente o aggressivo. Nelle ultime settimane, infatti, oltre alle flessioni dell’equity c’è stato un pesante calo dei bond. Avere un portafoglio di obbligazioni, con duration elevate, può esporre a una volatilità superiore a quella dei titoli azionari. Diventa quindi prioritario assumere uno stile di investimento coerente con questo nuovo scenario.

L’approccio corretto di un consulente finanziario indipendente consiste nel dare un’interpretazione più adeguata ai tempi ai profili degli investitori contenuti nella Normativa Mifid. L’enorme liquidità immessa sui mercati dalle Banche Centrali ha mutato le correlazioni storiche, pertanto viene fortemente ridimensionata la classica diversificazione basata su azioni e bond.

Il ruolo dei professionisti diventa sempre più importante per la scelta degli strumenti giusti, soprattutto per i risparmiatori meno evoluti. Noi di Consulenza Vincente utilizziamo strumenti innovativi che fanno gestione attiva. E’ importante distinguere tra prodotti flessibili in senso classico e strumenti total return. I primi spesso sono dei semplici fondi bilanciati che variano solo il rapporto di investimento tra azioni e bond. Mentre gli strumenti total return puntano, invece sul rendimento assoluto, utilizzando tecniche long short su azioni, bond, commodities e valute.

Adottano dunque strategie simili a quelle degli hedge fund, ma sono accessibili anche al piccolo risparmiatore.

In questa particolare fase di mercato, il valore aggiunto dato dal consulente finanziario indipendente nella costruzione di un portafoglio, diventa decisivo sia per grandi investitori che per i risparmiatori meno evoluti.

Fabrizio Taccuso

 

 

 

 

Rischio nei portafogli

Iscrizione all’Albo Unico dei Consulenti Finanziari istituito dall’Organismo OCF (delibera n. 1007 del 30/01/2019)

Newsletter

Iscriviti alla newsletter inserendo il tuo indirizzo email per rimanere aggiornato sulle novità di Consulenza Vincente.

Articoli più letti

Post più popolari

Affidati a dei professionisti


I nostri servizi


CHECK UP FINANZIARIO E PATRIMONIALE
Prima di iniziare è fondamentale analizzare la bontà delle scelte già fatte.
Scopri di più

PIANIFICAZIONE FINANZIARIA
Dobbiamo individuare gli obiettivi da raggiungere e monitorare il loro raggiungimento nel tempo.
Scopri di più

CREAZIONE ASSET ALLOCATION
È l’allocazione delle tue risorse finanziarie finalizzata alla ricerca della massima efficienza.
Scopri di più

PREVIDENZA COMPLEMENTARE
Integrare la pensione è ormai diventata una necessità per vivere serenamente la vecchiaia.
Scopri di più

Cos’è la “parcella occulta”?

Gli intermediari (banche, assicurazioni, società di gestione del risparmio, reti di distribuzione e infine anche le poste) non vendono consulenza allo sportello, ma vendono prodotti finanziari attraverso figure commerciali... Scopri di più

Archivio

Informativa precontrattuale

Share via
Copy link
Powered by Social Snap